Come sei arrivato fin qui? È la domanda che mi piacerebbe porre ad ogni singola persona che naviga sul mio blog e che si ferma per qualche secondo o qualche minuto a leggere quel che scrivo. Mi piacerebbe sapere da dove arriva, perché ha deciso di soffermarsi qui, se abbiamo delle conoscenze in comune, se le nostre storie si sono intrecciate anche solo per qualche secondo. Sono curiosa, mi piacciono le storie delle persone, quando osservo gli altri cerco sempre di immaginare le loro vite, che tipo di percorsi hanno seguito, cosa li ha portati a fare una scelta piuttosto che un’altra: e no, non sono una “stalker” lo giuro, la mia è un’attitudine che ho da sempre e che si sposa anche con la necessità che ho di condividere, ragion per cui mi sono decisa a dare vita a questo blog.

Non è stata una decisione maturata velocemente: anzi, devo correggermi in questo, la decisione di creare e pubblicare il blog è stata veloce, molto meno veloce è stata l’azione che ne è conseguita. È più di un anno che ci lavoro, rimugino, metto da parte, riprendo, cambio, ci ripenso a che forma dare a questo blog e che ragione ho per pubblicare nell’etere l’ennesimo blog chiedendomi “ma ti serve davvero? Non bastano tutte le cose che hai da fare? Sai quanta gente pubblica blog ogni giorno?”. E la risposta me la sono data: è necessario, si!

È necessario perché credo nel potere della condivisione di conoscenze ed esperienze. Nella vita ho imparato che le persone che ci circondano sono fondamentali e sono delle risorse, che ascoltare le storie degli altri e sapere come hanno risolto un problema, gestito una relazione, sostenuto un colloquio di lavoro, superato un brutto momento, mi darà delle idee e degli input per cavarmela meglio nelle loro stesse situazioni. Mi farà sentire meno sola e “sfigata” quando mi accadrà qualcosa di inaspettato, perché saprò che non sono l’unica a vivere o aver vissuto quella particolare situazione. È necessario perché ho delle cose da dire e anche delle conoscenze che possono forse essere utili a qualcuno, fosse anche una sola altra persona al mondo, sarebbe comunque un grande successo per me. Non cerco gloria, non sono donna da palcoscenico, mi piace stare all’ultima fila piuttosto!

Per me, che ho avuto una difficoltà enorme a sdoganare questo blog, sapere che una persona dedica qualche secondo prezioso della sua vita a leggere quel che scrivo è un dono enorme. Perché oggi il tempo è una risorsa importantissima e ne abbiamo così poco, sempre meno ed è una di quelle cose che non possiamo comprare. Il tempo passa molto più velocemente di quanto vogliamo e anche 2-3 minuti sono fondamentali oramai e sapere che quel tempo prezioso è stato speso per me è davvero un grande onore.

Questo blog parla di me, di cosa so fare, di cosa non so fare, di cosa amo fare, di cosa odio fare, di cosa vorrei fare e di cosa non potrò mai fare come donna, come mamma e come professionista!

E allora che blog sia, anche se sarà “Just Another wordpress site” 🙂

 

FacebookTwitterPinterestGoogle +Stumbleupon